Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Italia: spari a Palazzo di Giustizia a Milano, 3 i morti

Sono tre le persone uccise stamane a colpi di pistola in un'aula del Palazzo di Giustizia di Milano da uomo imputato per bancarotta che è poi fuggito in moto ed è stato successivamente arrestato. Una quarta persona è ricoverata in condizioni serie.

Una quinta, un avvocato, è stata colpita da colpi di arma da fuoco ad una gamba e non è grave, ha dichiarato il procuratore Edmondo Bruti Liberati in una conferenza stampa.

Secondo fonti investigative, tra i morti ci sono il giudice della sezione fallimentare Fernando Ciampi, ucciso nella sua stanza al secondo piano, e l'avvocato Lorenzo Alberto Claris Appiani.

Un terzo cadavere è stato trovato sulle scale all'interno del Tribunale di Milano. Il corpo non presenta segni di ferite di arma da fuoco e l'ipotesi è che possa avere avuto un infarto per la concitazione dovuta alla sparatoria.

L'omicida, che ha sparato in tutto 13 colpi, è stato arrestato dai carabinieri della compagnia di Monza a Vimercate (Milano), mentre era in fuga su una moto.

I quattro ingressi del Palazzo di giustizia di Milano sono presidiati dal personale di una società di vigilanza privata. Per accedere è necessario svuotare le tasche dagli oggetti metallici e oltrepassare un metal-detector. Ad ogni accesso solitamente sono in servizio tre o quattro addetti che si occupano dei controlli. All'interno del Palazzo di giustizia di Milano, oltre agli addetti alla sorveglianza, sono in servizio anche alcuni carabinieri che presidiano l'edificio nei vari piani.

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.