Navigation

Italia: strage Piazza Loggia, in appello tutti assolti

Questo contenuto è stato pubblicato il 14 aprile 2012 - 12:01
(Keystone-ATS)

La Corte d'assise d'appello di Brescia ha assolto Carlo Maria Maggi, Delfo Zorzi, Maurizio Tramonte e il generale dei carabinieri Francesco Delfino nel quarto processo per la strage di Piazza della Loggia, che causò otto morti e oltre cento feriti il 28 maggio del 1974.

In primo grado, il 16 novembre 2010, i quattro erano stati assolti con formula dubitativa. La procura attenderà il deposito delle motivazioni per decidere se ricorrere in Cassazione.

Nei confronti del quinto imputato del processo di primo grado, Pino Rauti, anch'egli assolto, non era stato presentato ricorso da parte della Procura ma solamente da due parti civili. Uno dei ricorsi è stato dichiarato inammissibile con la conseguente disposizione del pagamento delle spese processuali a carico delle parti civili.

Prima di leggere la sentenza, il presidente della Corte d'assise d'appello, Enzo Platé, ha ringraziato i giudici popolari per l'impegno e lo scrupolo profusi durante la durata del processo.

Il procuratore Roberto Di Martino e il pm Francesco Piantoni, titolari dell'inchiesta sulla strage, si sono detti "sereni perché è stato fatto tutto il possibile". "Ormai è una vicenda che va affidata alla storia, ancor più che alla giustizia", ha commentato il procuratore di Martino.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?