Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Agenti della polizia italiana presidiano piazza San Pietro nella Città del Vaticano (foto simbolica d'archivio).

KEYSTONE/AP ANSA/MASSIMO PERCOSSI

(sda-ats)

Operazione antiterrorismo in Italia: un congolese, in passato ospite del centro per rifugiati di Brindisi, è stato arrestato mentre un marocchino è stato espulso perché risultato in contatto con Anis Amri, l'autore della strage al mercatino di Natale di Berlino.

Dall'indagine della Direzione Investigazioni Generali e Operazioni Speciali (Digos) di Brindisi, coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia (Dda) di Lecce e dalla Procura nazionale Antimafia e Antiterrorismo, è emerso che i due facevano parte di una cellula salafita operante a Berlino e avevano aderito all'Isis.

In manette, con l'accusa di associazione con finalità di terrorismo internazionale, è finito Lutumba Nkanga, congolese di 27 anni e residente in Germania, mentre il marocchino Soufiane Amri, il ventiduenne che era in contatto con l'attentatore di Berlino, è stato espulso dall'Italia.

Entrambi, dicono gli investigatori, avevano aderito all'Isis ed erano pronti a compiere azioni violente, fino al martirio, in diversi scenari operativi. Le indagini e le attività tecniche, svolte con il supporto del Servizio centrale Antiterrorismo e del Servizio di cooperazione internazionale, hanno inoltre consentito di individuare e neutralizzare i progetti della cellula, che era composta da 11 membri.

I dettagli dell'operazione saranno resi noti in una conferenza stampa che si terrà alla Direzione antimafia di Lecce alle 11.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS