Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Italia: Tria invia a Ue lettera su manovra e debito, nuovo DPB

Il ministro italiano dell'Economia e delle Finanze Giovanni Tria durante una conferenza stampa a Roma (foto d'archivio).

KEYSTONE/AP/ANDREW MEDICHINI

(sda-ats)

Il ministro italiano dell'Economia e delle Finanze Giovanni Tria ha inviato alla Commissione europea, entro i termini richiesti, la versione rivista del Documento Programmatico di Bilancio (DPB) 2019.

Il nuovo DPB è stato approvato ieri sera dal Consiglio dei ministri. Inviato anche il Rapporto sui fattori rilevanti sull'andamento del debito pubblico, come richiesto con la lettera del 29 ottobre scorso.

"Il governo conferma l'impegno a mantenere i saldi di finanza pubblica entro la misura indicata nel documento di programmazione, rispettando le autorizzazioni parlamentari. In particolare, il livello del deficit al 2,4% del Prodotto interno lordo (Pil) per il 2019 sarà considerato un limite invalicabile", scrive il ministro dell'Economia Giovanni Tria, nella lettera all'Ue che accompagna il DPB aggiornato.

"Pur introducendo misure di sostegno innovative e un'attenuazione ai vincoli per il pensionamento, l'espansione fiscale decisa dal governo resta contenuta alla misura strettamente necessaria a contrastare il rallentamento del ciclo economico", aggiunge Tria. "Il governo ritiene che le ragioni" dell'impostazione della manovra "mantengano tutta la loro validità anche dopo aver attentamente valutato" i rilievi Ue.

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


Sondaggio svizzeri all'estero

Sondaggio

Cari svizzeri all'estero, le vostre opinioni contano

Sondaggio

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.