Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

ROMA - Il bullismo omofobico, versione antigay del bullismo generale, è diffuso e ben impiantato nella scuola italiana, stando a una ricerca nazionale, la prima di questo genere, realizzata da Arcigay e presentata oggi a Roma. Ben uno studente su 5, infatti, si può far rientrare nella categoria del bullo omofobo, cioé di coloro che esercitano atti di bullismo motivato dal disprezzo nei confronti dell'omosessualità. La metà ammette di aver utilizzato offese nei confronti di compagni ritenuti gay.
Arcigay ha realizzato due ricerche, una qualitativa e una quantitativa; la prima tramite questionario via Internet a 133 persone, la seconda ha coinvolto 863 studenti e 42 insegnanti di 20 scuole selezionate casualmente dall'anagrafe della scuole statali del Ministero dell'istruzione.
Solo un terzo dei ragazzi non ha udito epiteti omofobi ("frocio" il più diffuso, seguito da "finocchio" e "checca") e prese in giro nei confronti di maschi nell'ultimo mese a scuola. Nello stesso periodo, 1 su 13 ha assistito almeno una volta ad aggressioni fisiche motivate dall'omofobia. Il fenomeno del bullismo omofobico sembra diminuire con l'età ed è più diffuso al sud che al centro-nord e negli istituti tecnici rispetto ai licei.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS