Navigation

Italia ricorda strage di Capaci

Questo contenuto è stato pubblicato il 23 maggio 2012 - 11:20
(Keystone-ATS)

"Da quegli uomini e da quelle donne bisogna ripartire nella lotta senza quartiere che dobbiamo fare contro tutte le mafie, senza pensare che siano imbattibili". Lo ha detto il premier italiano Mario Monti, intervenendo a Palermo nel ventennale della Strage di Capaci, che costò la vita al magistrato Giovanni Falcone, sua Francesca Morvillo e agli agenti di scorta.

"No alla mafia, no all'illegalità, no alla corruzione, no al ricatto e alla logica dello scambio di chi promette e poi scarica su altri le responsabilità, ha detto ancora Monti, aggiungendo: "Deve esserci un impegno sempre più forte nella selezione dei rappresentanti da eleggere ai vari livelli di governo. Gli apparati dello Stato devono essere sempre lontani dal sospetto di legami di prossimità con le organizzazioni mafiose".

A bordo di navi sono giunti a Plermo numerosi studenti da tutta Italia, insieme al ministro dell'Istruzione Francesco Profumo e al procuratore nazionale antimafia Piero Grasso. Entrambi sostenevano un cartello con la scritta "Siamo tornati per non dimenticare".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?