Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Confine italo-svizzero

KEYSTONE/TI-PRESS/FRANCESCA AGOSTA

(sda-ats)

In base all'accordo di riammissione ieri mattina le autorità svizzere hanno consegnato alla Polizia di Frontiera di Ponte Chiasso (I) un cittadino marocchino rintracciato alla stazione di Chiasso e proveniente dall'Italia.

Sprovvisto di documenti, l'uomo è stato sottoposto a fotosegnalamento e dal sistema automatico d'identificazione delle impronte digitali è emerso che si tratta di un 22enne che il 29 aprile 2015 era stato rimpatriato in Marocco con sentenza del magistrato di sorveglianza di Vercelli: l'espulsione rappresentava una misura alternativa alla detenzione. Il giovane doveva scontare, al momento dell'imbarco, una pena residua di 10 mesi e 10 giorni di carcere.

Avendo un divieto di reingresso in Italia fino al 29 aprile 2025 ed essendo rientrato quindi clandestinamente prima del termine, la polizia lo ha arrestato associandolo alla casa circondariale di Como. Oltre a dover affrontare un nuovo processo per la violazione del divieto di reingresso che prevede una pena da 1 a 4 anni, per il giovane è stata immediatamente ripristinata la pena residua precedentemente sospesa.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS