Navigation

Italia-Svizzera: prima riunione gruppo lavoro, clima costruttivo

Questo contenuto è stato pubblicato il 24 maggio 2012 - 19:35
(Keystone-ATS)

La prima riunione del gruppo di pilotaggio italo-svizzero sui temi finanziari e fiscali si è tenuta oggi a Roma presso il ministero dell'economia italiano. Le discussioni si sono svolte in un "clima molto costruttivo", riferiscono in una nota congiunta il Dipartimento federale delle finanze (DFF) e lo stesso ministero italiano, annunciando che il premier italiano Mario Monti incontrerà il 12 giugno la presidente della Confederazione Eveline Widmer-Schlumpf.

Nel corso della riunione - riporta la nota - presieduta per parte svizzera dal Segretario di Stato del DFF, Michael Ambühl, capo della Segreteria di Stato per le questioni finanziarie internazionali, e per parte italiana dal consigliere diplomatico del ministro dell'economia, Carlo Baldocci, "in un clima molto cordiale e costruttivo, sono stati passati in rassegna, in maniera approfondita, tutti i temi" da risolvere.

"In particolare, si è discusso del modello di convenzione sulla regolarizzazione dei valori patrimoniali detenuti in Svizzera da contribuenti non residenti e sull'introduzione di un'imposta alla fonte sui futuri redditi da capitale", prosegue la nota. Le discussioni hanno riguardato pure "l'accesso ai mercati finanziari, le black list esistenti da parte italiana, la revisione della Convenzione bilaterale per evitare le doppie imposizioni (anche con riferimento allo scambio di informazioni) e l'accordo relativo all'imposizione dei lavoratori frontalieri", che interessa da vicino il canton Ticino.

Al termine dei colloqui Ambühl ha pure incontrato il vice ministro dell'economia italiano Vittorio Grilli. Il gruppo di pilotaggio, che coordinerà gli incontri tecnici sulle diverse questioni, si riunirà nuovamente entro la fine di giugno a Berna.

Dal canto loro, il Presidente del Consiglio italiano Mario Monti e la presidente della Confederazione, Eveline Widmer-Schlumpf, si incontreranno a Roma già il 12 giugno prossimo.

Due giorni fa, Monti aveva dichiarato ai cronisti di Palazzo Chigi di non sapere bene quando si sarebbe tenuto l'incontro. "So che un incontro è in programma, non ricordo bene la mia agenda", aveva detto il premier italiano. Oggi, la data del futuro faccia a faccia è stata finalmente fissata.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?