Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

"I dati degli Usa confermano la versione della Turchia" sull'abbattimento del jet russo. Lo dice l'ambasciatore americano presso la Nato, Douglas E.

Lute, specificando che "l'aereo russo era in Turchia, è stato 'ingaggiato' in Turchia ed è stato ripetutamente avvertito".

Lute aggiunge che quella "non era la prima incursione" russa nello spazio aereo turco e che nello scambio di informazioni concordato con la Russia "di sicuro non c'era un piano di volo che prevedesse la violazione dello spazio aereo della Nato".

Intanto, per prima volta i jet Sukhoi Su-34 russi sono partiti per eseguire raid in Siria non solo con bombe, ma anche con missili aria-aria per la loro difesa, dopo l'abbattimento del Su-24 ai confini turco-siriani.

Lo ha detto il portavoce delle forze aeree e spaziali russe, Igor Klimov. I jet "sono partiti per le missioni non solo con bombe aeree Ofab-500 e bombe guidate Kab-500 ma anche con missili aria-aria di corta e media gittata. Sono dotati di missili per la loro difesa e possono colpire obiettivi in aria a distanza di 60 km".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS