Navigation

Jihadismo: Svizzera romanda più colpita, procuratrice MPC

Il Tribunale penale federale di Bellinzona, dove un 34enne accusato di avere partecipato ad azioni belliche dell'Isis in Siria è stato condannato in settembre a quattro anni e due mesi di detenzione (immagine d'illustrazione). KEYSTONE/PABLO GIANINAZZI sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 04 novembre 2020 - 07:59
(Keystone-ATS)

La Svizzera romanda è più toccata dal jihadismo della Svizzera tedesca. Lo ha detto in un'intervista alla "Neue Zürcher Zeitung" Juliette Noto, la procuratrice del Ministero pubblico della Confederazione che si occupa dei processi per jihadismo.

"Il terreno fertile per la radicalizzazione esiste in Svizzera", ha detto Noto. Tuttavia, la scena islamista in Svizzera è eterogenea. Ci sono una moltitudine di attori con punti di vista e obiettivi diversi. Bisogna inoltre distinguere tra i rappresentanti dell'islam politico e quelli disposti a usare la violenza.

Legami con Francia e Belgio

Le differenze tra la Svizzera romanda e la Svizzera tedesca riguardano la pericolosità delle persone coinvolte e i loro collegamenti con altri Paesi, ha proseguito Noto. "La scena islamista nella Svizzera romanda è meglio collegata in rete e più omogenea con gli altri Paesi. Qui c'è una stretta connessione con le reti francofone in Francia e in Belgio", ha detto l'avvocato.

Queste connessioni sono cresciute storicamente - ha aggiunto - e riguardano personalità che sono state attive a partire dagli anni Novanta e hanno avuto un'influenza decisiva sulla generazione più giovane di jihadisti.

"Praticamente tutti i jihadisti svizzeri che sono saliti ai vertici dell'Isis provengono dalla Svizzera romanda e le reti che vi hanno sede continuano a mantenere contatti con loro", ha sottolineato Noto.

La scena tedesco-svizzera, invece, è più legata alla Germania e più eterogenea, il che potrebbe essere spiegato dal fatto che anche la scena islamista in Germania è piuttosto giovane. Non esistono collegamenti solidi con le reti consolidate in Germania, ha relativizzato Noto.

"Pesci grossi" ancora in Siria

I numerosi viaggi di giovani partiti da Winterthur verso la Siria si spiegano con il "cluster" formatosi attorno alla moschea An-Nur e le forti personalità locali, come l'uomo che è stato condannato in estate dal Tribunale penale federale in primo grado. Durante il suo primo viaggio in Siria, è stato tenuto in grande considerazione nella scena e ha quindi incoraggiato anche altri ad abbracciare la Jihad, ha detto Noto.

Il procedimento penale ha tuttavia dimostrato che alcuni svizzeri hanno assunto funzioni dirigenziali all'interno dell'Isis. Questi sono "i pesci veramente grossi", ma attualmente sono ancora sotto custodia curda in Siria.

È tuttavia assodato che la Svizzera non ha una scena islamista cresciuta storicamente nel corso dei decenni, come ad esempio in Francia. Ed è anche vero che la Svizzera non ha un passato coloniale, con i risentimenti che ne possono derivare, ha detto Noto alla "NZZ".

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.