Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Secondo Jean-Paul Rouiller, esperto elvetico di terrorismo, un vivaio jihadista si sta creando in Svizzera.

KEYSTONE/EPA/MOHAMMED SABER

(sda-ats)

"Un vivaio jihadista si sta creando in Svizzera": a lanciare l'avvertimento è Jean-Paul Rouiller, esperto elvetico di terrorismo presso il Geneva Centre for Security Policy (GCSP), in un'intervista pubblicata oggi dalla "Tribune de Genève".

"La novità, è che non subiamo più un jihadismo importato", il jihadismo elvetico odierno "non è più esogeno, ma endogeno", "è composto di persone che sono cresciute in Svizzera", afferma il 50nne vallesano, che ha alle spalle una carriera nell'antiterrorismo dei servizi segreti svizzeri e dell'Ufficio federale di polizia (Fedpol).

A suo avviso, il Paese si appresta a entrare "in un'altra dinamica", già "vissuta da altri paesi europei". Facendo riferimento ai recentissimi arresti di sospetti terroristi islamici in Romandia e ai militanti della 'guerra santa' islamica già condannati in Svizzera, Rouiller afferma: "Questi giovani condannati non resteranno venti anni in carcere. Alcuni vedranno la luce alla fine del tunnel, altri no e prepareranno il seguito".

L'esperto rileva che fino a questi ultimi anni la Svizzera era ancora considerata dai servizi di sicurezza esteri "come la coda della cometa" del terrorismo islamista, "perché gli attori si limitavano a passare da noi". Ora non è più così. "Ciò che sta cambiando - aggiunge - è che attori centrali del jihadismo sono fra noi e che hanno connessioni con l'estero. La Svizzera sta assumendo una statura differente".

Secondo i dati ufficiali 88 persone hanno lasciato la Svizzera per raggiungere una zona di combattimenti. Rouiller pensa che siano un centinaio. Calcolando che ogni jihadista può contare sull'appoggio logistico o finanziario di 5-10 persone, come amici o famigliari, a suo avviso 1000 persone potrebbero essere "implicate, da vicino o da lontano" nel jihadismo elvetico.

Secondo Rouiller, in materia di lotta al terrorismo, la Svizzera rimane "il parente povero d'Europa", nonostante la nuova legge sui servizi segreti e le misure proposte dal Consiglio federale per inasprire le norme in materia del Codice penale. A suo avviso "ci vuole una legge sul terrorismo, come in altri paesi europei".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS