Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Amber Heard e Johnny Depp (foto d'archivio).

Keystone/AP Invision/RICH FURY

(sda-ats)

Scoppia una delle popolari coppie di Hollywood. Amber Heard, dopo aver chiesto il divorzio da Johnny Depp nei giorni scorsi, ha ottenuto un'ingiunzione restrittiva nei confronti del marito.

Depp non potrà contattarla almeno fino alla metà di giugno, quando è in programma un'udienza in tribunale, e dovrà dunque mantenersi alla larga dalla moglie che lo accusa di violenze domestiche.

L'ingiunzione restrittiva temporanea è stata garantita a Heard dopo che il suo legale ha presentato al giudice foto con varie ferite e cicatrici, che le sarebbero state causate da Depp durante i loro 15 mesi di matrimonio.

In una dichiarazione scritta al giudice, Heard afferma che in una delle loro ultime liti sabato scorso Depp le ha tirato il cellulare, ferendola su una guancia e all'occhio. L'attore l'ha anche presa per i capelli, le ha urlato contro e l'ha colpita in viso. Secondo Heard, Depp era ubriaco e drogato quando l'incidente è accaduto.

La polizia è intervenuta sabato scorso, visitando la casa della coppia dopo essere stata chiamata. Gli agenti non hanno potuto dimostrare alcun reato e hanno lasciato l'abitazione. All'udienza per l'ingiunzione restrittiva Heard ha presentato foto dei presunti avvenimenti di sabato scorso, ma secondo il sito Tmz la donna ha postato foto su Instagram il giorno successivo in cui non c'era alcun segno di ferite o cicatrici.

Nel richiedere il divorzio Heard ha chiesto il mantenimento, ma i legali di Depp hanno risposto con un secco no e invitato il giudice di respingere la richiesta della donna. Depp non commenta . "Data la brevità del matrimonio e la recente perdita di sua madre, Johnny - afferma un suo portavoce - non risponderà a nessun gossip, informazione errata o bugia sulla sua vita privata".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS