Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Johnson & Johnson (J&J) vuole lanciare il 3 marzo, attraverso la sua filiale con sede nel canton Zugo Janssen Holding, la sua offerta pubblica di acquisto (OPA) sul gruppo biotecnologico e farmaceutico renano Actelion.

Per ogni azione saranno pagati 280 dollari sino al 30 marzo. Per il gigante americano l'operazione sarà riuscita quando deterrà almeno il 67% dei titoli.

Come risulta dal prospetto dell'offerta pubblica pubblicato oggi, l'operazione amichevole del gigante americano attivo nei prodotti farmaceutici e della salute come pure negli apparecchi medici valorizza l'impresa con sede ad Allschwil (BL) a circa 30 miliardi di franchi.

L'importo proposto da J&J rappresenta un premio del 46% rispetto al corso medio dell'azione durante i 60 giorni precedenti l'annuncio preliminare dell'offerta e del 23% rispetto a quello del 25 gennaio, vigilia dell'annuncio preliminare. L'operazione ha ricevuto l'approvazione unanime dei consigli di amministrazione delle due aziende.

Tra agli azionisti di riferimento di Actelion vi è il fondatore nonché attuale Ceo Jean-Paul Clozel, il solo ad essersi impegnato a presentare le sue azioni nell'ambito dell'offerta. Quest'ultima valorizza la partecipazione del cardiologo francese del 3,59% (oltre 3,8 milioni di titoli Actelion) in data 13 febbraio a oltre 1 miliardo di franchi.

Tra gli altri azionisti di riferimento vi sono Rudolf Maag, fondatore della Stratec. Quest'ultima si è fusa nel 1999 con Synthes, dando vista a Synthes-Stratec, gruppo rilevato nel 2012 da Johnson & Johnson. L'imprenditore basilese detiene il 4,46% del laboratorio di Allschwil. La banca centrale di Norvegia controlla il 3,09% del capitale azionario e il gruppo americano BlackRock il 4,08%. Questi tre azionisti non hanno reso noto al consiglio d'amministrazione le loro intenzioni riguardo all'offerta di J&J.

È previsto un termine supplementare di sottoscrizione tra il 6 e il 21 aprile. Alla fine dell'offerta, che riguarda i prodotti già commercializzati da Actelion, specializzata nelle cure dell'ipertonia polmonare, e quelli in fase di sviluppo avanzato (come il ponesomid e il cadazolid) è previsto lo scorporo da Actelion delle attività di ricerca preclinica e di medicamenti in fabbricazione (drug discovery operations and early-stage clinical development assets), che confluiranno in una nuova società chiamata R&D NewCo.

L'operazione dovrebbe concludersi alla fine del secondo trimestre di quest'anno. R&D NewCo, che sarà quotata alla Borsa svizzera, sarà diretta da Clozel, al quale si aggiungerà l'attuale capo delle finanze, André Muller, e Guy Brauenstein, responsabile dello sviluppo clinico.

Nell'ambito della transazione, J&J accorderà alla nuova società un prestito convertibile di 580 milioni di franchi, in due fette, e una facilità di credito di 250 milioni di dollari. Actelion metterà a disposizione della società 420 milioni.

La prima fetta del prestito convertibile, per un importo di 235 milioni di franchi, sarà oggetto di una conversione automatica in azioni, rappresentante il 16% del capitale azionario di R&D NewCo. Gli azionisti di Actelion, che riceveranno a titolo di dividendo per il 2016 una azione della nuova impresa per ogni titolo del laboratorio basilese, deterranno il restante 84%.

La transazione ha ottenuto oggi luce verde dalla Commissione delle offerte pubbliche d'acquisto (COPA). In una nota, essa giudica l'offerta del gruppo americano conforme alle prescrizioni legali.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS