Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

L'alleanza in ambito pubblicitario tra SRG SSR, Swisscom e l'editore Ringier ha ottenuto il via libera, ma con condizioni, da parte dell'Ufficio federale delle comunicazioni (UFCOM).

La pubblicità mirata sarà vietata e la Società svizzera di radiotelevisione dovrà regolarmente informare l'UFCOM.

Al momento non è stata riscontrata alcuna limitazione considerevole del margine di sviluppo di altre aziende mediatiche, indicano il Dipartimento federale delle comunicazioni (DATEC) e l'UFCOM.

L'autorità di sorveglianza chiede comunque che la SSR le fornisca ogni sei mesi un rapporto con le informazioni sullo sviluppo dell'impresa di commercializzazione pubblicitaria e i suoi effetti. In particolare l'UFCOM vuole disporre di un un rigoroso rendiconto, tra l'altro in merito al portafoglio, alle condizioni di accesso per i partner commerciali e all'andamento delle entrate pubblicitarie, per poter intervenire rapidamente ed efficacemente in qualsiasi momento.

L'Ufficio federale precisa inoltre che la SSR non può diffondere pubblicità mirata (targeted advertising) perché non vi è alcuna base legale che lo permetta. Secondo l'UFCOM, questa questione dovrebbe essere risolta con un adeguamento della concessione o dell'ordinanza sulla radiotelevisione che permetterebbe di prendere in considerazione anche eventuali effetti sui media regionali.

In dicembre la collaborazione pubblicitaria tra i tre attori aveva già ottenuto il nullaosta della Commissione della concorrenza (COMCO).

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS