Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

A meno di un ricorso al Tribunale Federale, i cittadini di Porrentruy (JU) dovranno tornare alle urne per eleggere il loro sindaco. La Corte costituzionale del cantone del Giura ha confermato oggi la sentenza di prima istanza. Questa conclude che c'è stata una frode elettorale in occasione dell'elezione del primo cittadino lo scorso novembre che interessa circa il 9% delle schede rientrate.

La Corte costituzionale ha respinto i 46 ricorsi presentati - tra cui quello di Thomas Schaffter, eletto con 28 voti in più - contro la decisione di prima istanza della giustizia amministrativa. Ha quindi deciso che il secondo turno dell'elezione del sindaco di Porrentruy dell'11 novembre 2012 è annullata e ha ordinato la ripetizione dello scrutinio, ha comunicato oggi la Corte.

L'attenta analisi dei fatti che si ricavano dagli elementi del dossier ha portato la Corte costituzionale a considerare per appurato e quindi dimostrato che gravi irregolarità siano state commesse all'elezione di Thomas Schaffter a sindaco di Porrentruy, scrive il presidente della Corte Jean Moritz.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS