Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La vertenza tra un gruppo di zingari francesi e il proprietario di un terreno a sud della stazione di Delémont (JU), sul quale i nomadi sono accampati illegalmente da circa una settimana, si è infine risolta, dopo un incontro di conciliazione. Lo ha indicato oggi il Ministero pubblico giurassiano.

I gitani hanno versato un risarcimento danni - adeguato ai loro mezzi finanziari - al contadino e in cambio quest'ultimo ha ritirato la denuncia penale nei loro confronti. I nomadi si sono anche impegnati a risistemare il terreno al momento della partenza.

La carovana era giunta sabato scorso e si era installata senza autorizzazione in un campo situato tra la sala esposizioni e lo "Swiss Labyrinthe". In totale l'accampamento è formato da una quarantina di roulotte, per la maggior parte immatricolate in Francia.

Reagendo all'occupazione illegale, il proprietario aveva sporto denuncia e cosparso di colaticcio il suo campo.

In generale, i nomadi si fermano in un luogo ad hoc ubicato vicino a Bassecourt (JU), lungo l'autostrada A16. Ma questa postazione è già occupata da una trentina di roulotte e sarà presto chiusa per essere trasformata in area di sosta.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS