Navigation

Juncker, Svizzera deve entrare nella Ue

Questo contenuto è stato pubblicato il 15 dicembre 2010 - 13:23
(Keystone-ATS)

BERLINO - Il presidente dell'Eurogruppo, Jean-Claude Juncker, auspica l'ingresso della Svizzera nell'Unione europea.
La "zona bianca sulla carta geografica europea" è una "assurdità geostrategica", ha detto Juncker, primo ministro lussemburghese, riferendosi alla Svizzera, in un'intervista al settimanale tedesco "Die Zeit" che verrà pubblicata domani.
Come rappresentante di un piccolo stato, Juncker afferma di poter sicuramente raccomandare a Berna l'adesione: "L'influsso del Lussemburgo in Europa è maggiore di quello della Svizzera". Il suo paese è arrivato alla conclusione - aggiunge il presidente dell'Eurogruppo secondo l'estratto dell'intervista anticipato oggi - "che la neutralità, anche se viene definita attiva, porta in fin dei conti soltanto in un vicolo cieco, se non trova nessuno che la prenda in considerazione, nessun partner in Europa e nel Mondo".
L'Eurogruppo riunisce i ministri dell'economia e delle finanze degli Stati membri dell'Ue che hanno adottato l'euro.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?