Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

VIENNA - È finito in tragedia il quarto tentativo di scalata del K2 (8'611 metri) dell'austriaca Gerlinde Kaltenbrunner. Durante l'impresa è precipitato e morto il suo compagno di cordata, il noto alpinista svedese Fredrik Ericsson, 35 anni.
Ericsson è precipitato per circa 1'000 metri fino all'altezza del campo base III, ha dichiarato Karl Gabl, caop dei servizi meteorologici tirolesi. L'austriaca a questo punto è tornata indietro e ha rinunciato alla scalata del K2, l'ultimo ottomila che manca nel suo palmares. Kaltenbrunner sarebbe, infatti, la prima donna a scalare tutti i 14 ottomila senza l'utilizzo di bombole d'ossigeno.
Poco prima della disgrazia il marito della Kaltenbrunner, il tedesco Ralf Dujmovits, aveva rinunciato alla scalata per l'alto rischio di caduta sassi.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS