Navigation

K2: muore alpinista Ericsson, compagno cordata di Kaltenbrunner

Questo contenuto è stato pubblicato il 06 agosto 2010 - 13:19
(Keystone-ATS)

VIENNA - È finito in tragedia il quarto tentativo di scalata del K2 (8'611 metri) dell'austriaca Gerlinde Kaltenbrunner. Durante l'impresa è precipitato e morto il suo compagno di cordata, il noto alpinista svedese Fredrik Ericsson, 35 anni.
Ericsson è precipitato per circa 1'000 metri fino all'altezza del campo base III, ha dichiarato Karl Gabl, caop dei servizi meteorologici tirolesi. L'austriaca a questo punto è tornata indietro e ha rinunciato alla scalata del K2, l'ultimo ottomila che manca nel suo palmares. Kaltenbrunner sarebbe, infatti, la prima donna a scalare tutti i 14 ottomila senza l'utilizzo di bombole d'ossigeno.
Poco prima della disgrazia il marito della Kaltenbrunner, il tedesco Ralf Dujmovits, aveva rinunciato alla scalata per l'alto rischio di caduta sassi.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.