Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

VARSAVIA - Dopo una settimana di lutto e unità nazionale, 100'000 polacchi si sono radunati oggi in Piazza Pilsudski a Varsavia per commemorare le 96 vittime della sciagura aerea di Smolensk, dove una settimana fa sono morti il presidente Lech Kaczynski e la moglie, assieme all'élite militare e politica polacca.
Domani, a Cracovia, si terranno i funerali della coppia ma le ceneri del vulcano islandese mettono a rischio l'arrivo delle delegazioni dall'estero. Oggi sono cominciate a giungere le prime disdette. Da ieri, a causa della nube dall'Islanda, gran parte degli aeroporti nel nord e centro Europa sono chiusi, Polonia inclusa.
Stamane alle 08:50 in punto, l'ora della sciagura, sono risuonate in tutta la Polonia sirene e campane.
Nella grande piazza di Varsavia intitolata al generale Jozef Pilsduski, eroe nazionale, teatro dei principali raduni di massa sin dai tempi di Giovanni Paolo II, si sono raccolte circa 100'000 persone, secondo dati delle autorità. La cerimonia è cominciata alle 12.00 con la parte civile e i discorsi delle autorità ed è proseguita con una messa. In serata le salme dei Kaczynski vengono trasportate nella cattedrale di San Giovanni nella città vecchia.
All'inizio tre salve sono state sparate alla memoria delle 96 vittime che quel 10 aprile stavano andando alla commemorazione dell'eccidio di Katyn. In un discorso il premier Donald Tusk ha parlato della "più grande tragedia polacca del dopoguerra" e auspicato che prosegua il senso di unità ritrovato. Anche il presidente del Sejm, il parlamento, Bronislaw Komorowski ha sottolineato che nella "catastrofe" il Paese si è unito. Papa Benedetto XVI, in un messaggio letto dal nunzio Jozef Kowalczyk, ha espresso la sua solidarietà e donato ai parenti delle vittime un rosario con il suo stemma.
Per tutta la settimana di lutto nazionale si stima che milioni di polacchi siano scesi in strada a testimoniare il loro dolore. Montagne di fiori e un mare di lumini hanno trasformato la capitale in un santuario. Bandiere polacche e le foto delle vittime ovunque: solo nella camera ardente al Palazzo presidenziale 180'000 persone hanno dato l'ultimo saluto alle bare di Kaczynski e della moglie, facendo file anche di 18 ore per entrare.

SDA-ATS