Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

VARSAVIA - Proprio mentre era in volo per presenziare a Katyn una cerimonia per l'anniversario dell'eccidio di oltre 22.000 ufficiali e soldati polacchi per mano dell'Armata Rossa di Stalin nel 1940, il presidente polacco Lech Kaczynski, 60 anni, è morto nella sciagura aerea del suo Tupolev 154, schiantatosi ieri mattina mentre cercava di atterrare all'aeroporto di Smolensk, nella Russia occidentale. Assieme a Kaczynski sono morti la moglie Maria e i vertici dello Stato polacco: una intera classe politica e militare è stata falcidiata.
La procura polacca ha annunciato l'apertura di un'indagine sull'incidente, il presidente russo Dmitri Medvedev ha nominato una commissione d'inchiesta sul disastro. E il premier russo Vladimir Putin, giunto sul luogo della sciagura - visitato anche che dal primo ministro polacco Donald Tusk e dal fratello gemello del presidente, Jaroslaw - ha detto che "farà di tutto per chiarire al più presto la cause dell'incidente".
La Polonia è in lutto e piange unita i suoi morti. Decine di migliaia di cittadini con in mano una candela accesa hanno tenuto nella notte una veglia funebre nei pressi del palazzo presidenziale a Varsavia. Messaggi di cordoglio sono giunti da tutto il mondo, inclusa, fra i primi a reagire, Mosca. L'Unione Europea per lunedi ha decretato una giornata di lutto a Bruxelles, la sede delle istituzioni comunitarie.
L'interim, come vuole la costituzione, è stato affidato al presidente del parlamento Borislaw Komorowski, che in TV ha annunciato che entro due settimane fisserà la data delle elezioni per il nuovo capo dello stato, che dovranno tenersi entro 60 giorni.
È buio pesto ancora sulle origini e la dinamica del disastro. Al momento la pista più accreditata è quella di un errore umano. Il pilota del Tupolev 154, un vecchio aereo di fabbricazione sovietica di cui da tempo si discuteva se non fosse il caso di sostituirlo, pare abbia tentato diverse manovre di atterraggio con una visibilità fortemente compromessa dalla nebbia. All'ultimo tentativo, avrebbe ripreso quota e toccato la cima di un albero, poi lo schianto.

SDA-ATS