Navigation

Kenya: attentati in quartiere somalo Eastleigh, 600 arresti

Questo contenuto è stato pubblicato il 11 dicembre 2012 - 18:42
(Keystone-ATS)

Il governo kenyano ha annunciato di aver arrestato più di 600 persone in seguito agli attentati della scorsa settimana, che hanno provocato 6 morti e circa 40 feriti, nel quartiere somalo di Eastleigh, a Nairobi.

La notizia è stata diffusa ai media locali dal commissario della polizia provinciale, Njoroge Ndirangu, secondo cui le operazioni sono ancora in corso e continueranno "fino a quando non saranno stanati tutti i criminali, non solo a Eastleigh, ma in tutto il paese".

Secondo i dati diffusi dalla polizia kenyana, gran parte dei fermati sono di origine somala registrati presso il campo profughi di Dadaab, a confine con la Somalia. L'altro giorno il segretario permanente kenyano per la sicurezza interna, Mutea Iringo, aveva annunciato che erano state intavolate trattative con il Commissario delle Nazioni Unite per i Rifugiati (Unhcr) al fine di stabilire un piano di rimpatrio dei profughi somali ospitati nel complesso di Dadaab, il più grande del mondo.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.