Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Le forze armate ucraine hanno fermato un maggiore dell'esercito russo che viaggiava nel Donbass su un camion militare carico di munizioni assieme a un miliziano separatista.

La notizia, già riportata dai media ucraini nei giorni scorsi, è stata confermata dal capo dei servizi segreti di Kiev (Sbu), Vasili Gritsak, che ha identificato il militare russo in V. S., 37 anni, in servizio nella città di Novocerkask, nella regione russa di Rostov sul Don, non lontano dalla frontiera con l'Ucraina.

Il camion con a bordo il presunto maggiore russo sarebbe finito praticamente in bocca agli ucraini - forse perché il guidatore ha sbagliato strada - e sarebbe quindi stato fermato al check point delle truppe di Kiev a Beriozovoe, nella regione di Donetsk.

L'Ucraina e l'Occidente accusano Mosca di sostenere militarmente i separatisti del Donbass con armi e combattenti. Secondo Gritsak, lo stesso V. S. avrebbe confessato di essere un militare russo.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS