Navigation

Kirghizistan: oppositori in strada contro risultati elezioni

Proteste a Bishkek contro i risultati delle elezioni parlamentari. Nell'immagine, il presidente Sooronbai Jeenbekov. KEYSTONE/EPA/VLADIMIR VORONIN / POOL sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 05 ottobre 2020 - 15:14
(Keystone-ATS)

Migliaia di sostenitori dell'opposizione kirghisa stanno manifestando a Bishkek chiedendo l'annullamento dei risultati delle elezioni parlamentari svoltesi nel fine settimana, ufficialmente stravinte dalle forze politiche filogovernative.

Secondo gli oppositori, le elezioni sono state macchiate da irregolarità e presunte compravendite di voti. Lo riporta la testata americana Radio Liberty.

Stando ai risultati preliminari, due partiti filogovernativi e che auspicano più stretti rapporti con la Russia, Birimdik e Mekenim Kyrgyzstan, hanno ottenuto rispettivamente il 24,5% e il 23,88% dei voti. Segue il partito Kyrgyzstan, anch'esso ritenuto vicino al presidente filorusso Sooronbai Jeenbekov, che ha raccolto l'8,76% delle preferenze. L'unico partito d'opposizione ad aver superato la soglia di sbarramento del 7% è stato Butun, che ha avuto il 7,13% dei voti. L'affluenza alle urne è stata del 56,5%.

Birimdik include il fratello minore del presidente, Asylbek Jeenbekov, mentre Mekenim Kyrgyzstan è considerato legato agli interessi della potente famiglia Matraimov. Rayimbek Matraimov è un ex funzionario della dogana, contestato nelle proteste anticorruzione dell'anno scorso e ritenuto uno dei finanziatori della vittoriosa campagna elettorale di Jeenbekov alle presidenziali del 2017.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.