Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

MOSCA - Si aggrava il bilancio delle vittime nei violenti scontri inter-etnici in corso a Osh, nel sud del Kirghizistan: il numero dei marti è salito a 37, riferisce il locale ministero della salute.
Al momento, secondo le agenzie russe Interfax, Itar-Tass e Ria Novosti, centinaia di persone sia kirghize che uzbeke stanno affluendo dai villaggi nei quartieri del centro, dove si sentono molti spari.
Dalla capitale uzbeka Tashkent, dove è in corso un vertice di sei paesi (Russia, Cina, Kazakhstan, Uzbekistan Tagikistan e Kirghizistan) la premier a interim kirghiza Rosa Otunbayeva ha definito gli scontri un "conlitto etnico fra i gruppi kirghizi e uzbeki".

SDA-ATS