Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Gli economisti interrogati dal Centro di ricerca congiunturale del Politecnico di Zurigo (KOF) hanno migliorato le loro previsioni per la crescita economica a lungo termine, mentre hanno lasciato invariata la propria stima per il 2017 e il 2018.

I 19 esperti interpellati questo mese pronosticano una progressione del prodotto interno lordo (Pil) dell'1,7% fra cinque anni, contro il +1,5% anticipato in marzo, secondo il KOF Consensus Forecast pubblicato oggi. Per quest'anno è sempre attesa una crescita dell'1,5%, per il prossimo dell'1,7%.

Gli economisti valutano in maniera più positiva l'evoluzione delle esportazioni, che nel 2017 dovrebbero aumentare del 3,4% (+3,2% tre mesi fa). Nel 2018 è atteso ancora un +3,6%. Il tasso di disoccupazione dovrebbe attestarsi quest'anno al 3,2% (3,3% in precedenza), l'anno prossimo pure (stima invariata).

Sono stati effettuati lievi ritocchi anche per l'inflazione, che nel 2017 dovrebbe segnare un +0,5%, a fronte del +0,4% anticipato in marzo. L'anno prossimo dovrebbe fissarsi allo 0,6% (0,7% tre mesi fa).

L'evoluzione degli investimenti fissi viene invece vista più debole: +1,5% invece che +1,8% nel 2017 e +1,8% invece che +2,2% nel 2018. Secondo il KOF ciò si spiega soprattutto con le attese relative agli investimenti nella costruzione, che dovrebbero aumentare quest'anno solo dello 0,6% e il prossimo soltanto dello 0,7% al posto dell'1,2% previsto in marzo per entrambi gli anni.

Il franco dovrebbe lievemente indebolirsi rispetto all'euro: nel 2017 e nel 2018 la moneta unica dovrebbe attestarsi a 1.09 franchi (1.07 tre mesi fa). Per quanto riguarda l'evoluzione della Borsa svizzera gli economisti interrogati si sono mostrati più ottimisti, con l'indice SPI visto tra un anno a quota 10'124 invece di 9'526 punti.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS