Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La Svizzera non sfuggirà a una fase recessiva nel secondo trimestre, ma poi il motore dell'economia ripartirà: sono le valutazioni del KOF, il Centro di ricerche congiunturali del Politecnico di Zurigo, che per l'intero anno calcola una crescita del pil dello 0,4%.

La breve fase recessiva, che interesserà il primo e il secondo trimestre, sarà superata nella seconda metà del 2015, indica oggi il KOF nelle sue previsioni d'estate.

I pronostici sono leggermente più favorevoli rispetto a quelli formulati a marzo, quando l'istituto zurighese aveva calcolato per il 2015 un tasso di espansione limitato a +0,2%.

Rispetto a tre mesi fa, scrive il KOF, il panorama economico internazionale è migliorato, in particolare nei paesi dell'Unione europea, primo partner commerciale della Svizzera.

L'economia elvetica continuerà comunque a subire gli effetti dell'abolizione del tasso minimo di cambio con l'euro decisa a gennaio dalla Banca nazionale. Tra il primo e il secondo trimestre si dovrebbe quindi verificare un calo della produzione.

Il KOF ha rivisto al rialzo anche le previsioni relative al 2016, anno un cui il pil dovrebbe crescere dell'1,3%, a fronte del +1,0% indicato a marzo.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








Teaser Longform The citizens' meeting

Non mancate il nostro approfondimento sulla democrazia diretta svizzera

1968 in Svizzera

SDA-ATS