Navigation

Kosovo: 4 anni, festa senza euforia

Questo contenuto è stato pubblicato il 17 febbraio 2012 - 19:57
(Keystone-ATS)

Il quarto anniversario dell'indipendenza dalla Serbia è stato celebrato oggi in Kosovo in un'atmosfera di festa, ma senza euforia e eccessivo entusiasmo. La lotta contro corruzione, criminalità e povertà non ha dato infatti finora i risultati sperati, mentre l'incapacità di Pristina a imporre la sua autorità anche sul nord a maggioranza di popolazione serba ha trovato conferma nel referendum dei giorni scorsi, nel quale quasi il 100% di coloro che hanno votato hanno detto no agli organi di potere albanesi.

Il presidente, la signora Atifete Jahjaga, e il premier, Hashim Thaci, parlando oggi a una cerimonia ufficiale nel centro di Pristina - addobbato con bandiere kosovare, albanesi e americane e di altri paesi 'amici' - hanno sottolineato il grande potenziale di sviluppo del Kosovo, intenzionato a proseguire verso il progresso e la piena integrazione nelle strutture euroatlantiche. Un paese, hanno detto, orientato al dialogo e alla convivenza pacifica che intende rispettare le libertà civili e i diritti delle minoranze. L'indipendenza tuttavia non si tocca, ha affermato il presidente, secondo cui il Kosovo è ormai "una realtà internazionale irreversibile" e un "paese indivisibile".

Dalla proclamazione dell'indipendenza, il 17 febbraio 2008, il Kosovo è stato riconosciuto da 88 paesi (ultimo oggi l'Uganda), compresi gli Usa e 22 dei 27 membri della Ue. Dei paesi dell'Unione non lo hanno riconosciuto Spagna, Grecia, Romania, Slovacchia e Cipro (paesi che hanno tutti in qualche modo problemi etnici e di separatismo). E fermi nel rifiutare l'indipendenza sono la Serbia e la Russia, suo principale alleato.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?