Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La Serbia non riconoscerà mai l'indipendenza del Kosovo, vuoi che sia sotto commissariamento occidentale vuoi che non lo sia. Lo ha detto il premier Ivica Dacic.

Nel pomeriggio a Pristina si svolge la cerimonia nel corso della quale il Gruppo internazionale di orientamento sul Kosovo (Isg) - che supervisionava l'indipendenza dalla proclamazione nel febbraio 2008 - annuncia il suo scioglimento, dando luogo in tal modo alla piena sovranità del Kosovo.

Tutto ciò, ha detto Dacic, "non ha alcuna importanza" e non avrà alcuna conseguenza sulla posizione di Belgrado, che respinge per principio l'indipendenza di Pristina e contesta la legittimità della secessione di quella che considera tuttora una provincia della Serbia, culla secolare delle sue radici storico-religiose.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS