Navigation

Kosovo: proteste contro arrivo presidente serbo Tadic

Questo contenuto è stato pubblicato il 06 gennaio 2012 - 19:42
(Keystone-ATS)

Alcune centinaia di membri del movimento d'opposizione kosovara 'Autodeterminazione' hanno bloccato questo pomeriggio il centro di Decani per protestare contro l'arrivo del presidente serbo Boris Tadic, giunto sul posto in serata a bordo di un elicottero. Al monastero di Visoki Decani Tadic assisterà alla celebrazione del Natale ortodosso.

I manifestanti hanno impedito il passaggio dei credenti serbi che da Djakovica erano sul ritorno alle proprie case dopo una visita al monastero. Sono stati bloccati anche i veicoli con gli ambasciatori della Russia e della Bielorussia, costretti a cambiare strada e a tornare nel patriarcato di Pec.

Un imponente numero di poliziotti del Kosovo (Kps) è stato dispiegato attorno al monastero di Decani. Il portavoce regionale del Kpas, Zecir Keljmendi, ha detto che otto membri del movimento sono stati arrestati mentre alcuni scontri tra poliziotti e manifestanti si sono verificati lungo la strada sulla quale dovrebbe passare il corteo di auto con il presidente Tadic.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?