Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il neoeletto presidente kosovaro Hashim Thaci ha invitato la Serbia a riconoscere l'indipendenza del Kosovo e a non ostacolare la sua integrazione a livello internazionale.

Citato dal quotidiano 'Koha Ditore', Thaci ha sottolineato la necessità di un compromesso fra Belgrado e Pristina in grado di garantire un futuro migliore a serbi e kosovari. Serve collaborazione, ha detto, nella lotta alla criminalità, al traffico di esseri umani e all'estremismo religioso.

Affermazioni queste definite "frivole" da Marko Djuric, capo dell'Ufficio governativo serbo per il Kosovo. Thaci - ha detto - può solo sognare che le strutture serbe in Kosovo siano abolite.

La Serbia, insieme a Russia, Cina e cinque Paesi Ue (Spagna, Grecia, Romania, Slovacchia, Cipro), si rifiuta di riconoscere l'indipendenza proclamata dal Kosovo il 17 febbraio 2008 e riconosciuta finora da 111 paesi (sui 193 rappresentanti all'Onu), fra cui Italia e Usa.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS