Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

In Kosovo l'opposizione nazionalista ha nuovamente fatto uso di gas lacrimogeni per impedire lo svolgimento dei lavori parlamentari.

Nonostante gli stretti controlli messi in atto all'ingresso del parlamento, alcuni deputati di opposizione sono riusciti a sprigionare in aula i lacrimogeni rendendo impossibile il regolare svolgimento della seduta. Fuori dal parlamento alcune centinaia di manifestanti sostenitori dell'opposizione hanno scandito slogan ostili al governo.

Da mesi l'opposizione a Pristina blocca i lavori parlamentari chiedendo le dimissioni del governo e elezioni anticipate, in segno di protesta contro accordi conclusi con Belgrado sulla creazione di una Associazione di comunità serbe in Kosovo e con Podgorica sulla demarcazione della linea di frontiera con il Montenegro. Un comportamento questo duramente condannato oltre che dal governo e dalle istituzioni locali, anche dai rappresentanti delle organizzazioni internazionali presenti a Pristina.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


Sondaggio svizzeri all'estero

Sondaggio

Cari svizzeri all'estero, le vostre opinioni contano

Sondaggio

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS