Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

BRUXELLES - La missione europea in Kosovo Eulex è stata prorogata per altri due anni, fino al 2012. Lo ha annunciato il capo della missione, Yves de Kermabon, oggi in un incontro stampa a Bruxelles, nel corso della quale ha anche riferito che lascerà l'incarico entro la fine del 2010.
"Ho già passato cinque anni in Kosovo e penso sia il momento di cedere il passo. Lascerò la missione prima della fine dell'anno", ha detto l'ex generale francese. La decisione sul sostituito non è ancora stata presa.
Eulex può contare sul sostegno di tutti gli Stati membri dell'Unione ed è la più vasta missione civile mai lanciata dall'Ue. Il suo compito è di dare assistenza alle istituzioni e alle autorità giudiziarie del Kosovo per la creazione di uno Stato di diritto. La sua missione è anche quella di dare un contributo allo sviluppo e al rafforzamento di un sistema giudiziario indipendente e multietnico e di dotare il Kosovo di una polizia multietnica e di servizi doganali.

SDA-ATS