Navigation

Kristi Noem, l'ultras di Trump che guarda al 2024

Kristi Noem in una foto scattata lo scorso giugno KEYSTONE/AP/Abigail Dollins sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 26 agosto 2020 - 20:07
(Keystone-ATS)

Nell'universo di Donald Trump brilla sempre di più una stella. E' quella di Kristi Noem, la governatrice del South Dakota che in poco tempo si è imposta come la più fervente sostenitrice del tycoon, la più "trumpiana" tra le tante ultras del presidente.

Come Kimberly Guylfoile (la fidanzata di Donald Jr) Pam Bondi (la procuratrice generale della Florida) la Noem sfilerà alla convention repubblicana.

L'invito a intervenire nella terza serata del Trump-show appare proprio come un premio per la fedeltà mostrata alla Casa Bianca nei difficili mesi della pandemia, con le posizioni di Kristi fin dall'inizio tese a minimizzare se non a negare l'emergenza. Nessun governatore repubblicano ha interpretato come lei il pensiero del presidente: nessuna chiusura delle attività, niente obbligo di indossare le mascherine, nessun ordine di restare a casa o di evitare assembramenti.

"Non siamo e non saremo mai ostaggio di un'élite di cosiddetti esperti", il suo mantra. Quello che l'ha portata a consentire il maxiraduno di 50 mila biker nel suo Stato, in barba al distanziamento sociale, o che l'ha spinta a saltare in groppa ad un cavallo con la bandiera americana durante una manifestazione per permettere al pubblico di continuare ad affollare le tribune dei rodei su tori. E pazienza se il South Dakota resta uno degli Stati Usa più colpiti dal Covid-19, sia in termini di contagi che di di morti.

Ma nel cuore di Trump è definitivamente entrata quando da padrona di casa ha organizzato, presente il tycoon, lo show del 4 luglio al Mount Rushmore, con quei fuochi di artificio fortissimamente voluti dal presidente. Da allora le sue apparizioni in tv si sono moltiplicate, anche a livello nazionale, così come i suoi contatti con la Casa Bianca. Quella Casa Bianca a cui ora anche lei, 48 anni, guarda per il 2024. Magari anche solo da candidata vicepresidente, come quella Sarah Palin che tentò l'avventura nel 2008 e a cui Kristi viene a volte accostata.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.