Navigation

Kuwait: a opposizione islamica 34 su 50 seggi parlamento

Questo contenuto è stato pubblicato il 03 febbraio 2012 - 10:47
(Keystone-ATS)

Netta affermazione dell'opposizione islamica nelle elezioni per il rinnovo del Parlamento tenutesi nell'emirato del Kuwait. Secondo i risultati ufficiali l'opposizione ha ottenuto 34 sui 50 seggi, nessuno dei quali è andato ad una donna. Le elezioni, anticipate di un anno rispetto alla fine della legislatura, giungono dopo un scandalo per corruzione di deputati e le dimissioni del governo e del premier, l'emiro Sabah Al Ahmad Al Jaber Al Sabah che aveva sciolto la Camera a dicembre.

Premiati i candidati sunniti, con 23 seggi contro i nove della scorsa legislatura, ridotta la presenza dei deputati sciiti (minoranza nel paese) da nove a sette e quella dei liberali da cinque a due. Annullata invece la presenza femminile: nessuna delle 23 candidate donne è stata eletta comprese le quattro deputate uscenti.

I risultati riflettono il clima in cui l'emirato petrolifero si è recato ieri alle urne: l'animosa turbolenza politica che ha caratterizzato gli ultimi mesi, energizzata nella richieste di trasparenza e riforme dagli eventi politici della regione, ha portato alla luce uno scandalo per corruzione che ha coinvolto 13 parlamentari a sostegno del governo e ha ulteriormente spinto le richieste di dimissioni dell'esecutivo.

Il primo ministro si è dimesso a fine novembre. A dicembre l'emiro ha sciolto le camere e annunciato elezioni anticipate. L'affluenza alle urne è stata del 60%.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?