Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il sospettato numero uno del coinvolgimento nell'attacco kamikaze condotto il 26 giugno contro la moschea sciita Imam al-Sadiq di Kuwait City, Abdulrahman Sabah Saud, ha confessato in Tribunale di far parte del sedicente Stato islamico (IS).

Il cittadino saudita è il primo dei 22 uomini e sette donne che verranno ascoltati nel processo per la morte di 26 persone in quello che è stato il peggior attentato registrato nell'Emirato del Golfo.

Saud, che ha condotto il kamikaze saudita Fahad al-Qabàa in moschea a Kuwait City, è stato arrestato due giorni dopo l'attentato. Ha anche confessato di aver portato in una borsa del ghiaccio la cintura esplosiva usata nell'attacco dal confine con l'Arabia Saudita.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS