Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il premier ungherese Viktor Orban.

KEYSTONE/EPA/OLIVIER HOSLET

(sda-ats)

Aumenta la tensione tra l'Ue e l'Ungheria di Viktor Orban, il teorico della "democrazia illiberale".

Budapest dovrà dare formali spiegazioni alla Commissione europea sulla bozza di legge sull'istruzione terziaria che minaccia l'esistenza della Central European University, l'università fondata da George Soros, il miliardario americano di origine ungherese che ormai Orban considera un nemico del paese.

L'esecutivo europeo ha annunciato di aver inviato la lettera di messa in mora, primo passo della procedura di infrazione. E nel pomeriggio, davanti alla plenaria del parlamento europeo riunita a Bruxelles, è andato in scena il faccia a faccia diretto tra il primo vicepresidente della Commissione, il laburista olandese Frans Timmermans, e lo stesso Orban in un dibattito che si è concluso con una risoluzione che sarà votata a maggio.

Timmermans ha inchiodato Orban pur dandogli atto di aver sempre accettato il dialogo con Bruxelles. Ma sono ormai cinque anni che Budapest va avanti con strappi successivi che provocano le critiche europee e ai quali pone successivamente (parziale) riparo.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS