Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

BERNA - La Banca nazionale svizzera (BNS) si attende una perdita di circa 4 miliardi di franchi per il primo semestre dell'anno. Per ostacolare un eccessivo rafforzamento del franco l'istituto di emissione ha effettuato acquisti massicci di euro. La rivalutazione del franco si traduce in una perdita sui cambi di 14 miliardi di franchi. Lo ha preannunciato la BNS in una nota diramata stamane.
Da gennaio a giugno la Banca nazionale ha accresciuto di 132 miliardi di franchi gli investimenti in divise, soprattutto in euro. I redditi delle posizioni in valute estere e in franchi nonché il forte rialzo del prezzo dell'oro hanno contribuito a contenere il rosso semestrale, si legge nel breve comunicato. Non è tuttavia ancora incluso il risultato dello StabFund, che nei primi sei mesi dell'anno sarà comunque positivo.
Il rapporto sul bilancio semestrale con le cifre definitive - compreso lo StabFund, fondo in cui sono confluiti i titoli tossici rilevati dall'UBS - sarà pubblicato il 12 agosto.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS