Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La centrale nucleare di Mühleberg, in funzione dal 1972, verrà definitivamente disattivata nel 2019. È quanto ha fatto sapere stamane la società elettrica bernese BKW, che gestisce l'impianto.

"Negli scorsi mesi, si legge in un comunicato, BKW ha analizzato diversi scenari relativi al futuro e all'ulteriore funzionamento della centrale nucleare di Mühleberg e ha deciso di mantenere in esercizio la centrale solo fino al 2019 nel rispetto dei requisiti di sicurezza".

Rinunciando ad investire nella gestione a lungo termine della centrale , prosegue la nota, "BKW riduce considerevolmente i rischi aziendali e libera risorse a favore di un potenziamento dell'energia idroelettrica ed eolica in Svizzera e all'estero e a favore di prodotti e servizi innovativi".

Nei sei anni rimanenti prima della chiusura dell'impianto BKW intende comunque attuare diversi progetti di ammodernamento per un investimento totale di 200 milioni di franchi: sono in particolare previste misure per migliorare il sistema di raffreddamento. "Con questi interventi BKW soddisfa i requisiti di sicurezza e va oltre quanto attualmente richiesto dall'Ispettorato federale della sicurezza nucleare".

È la prima volta in Svizzera che viene fissata una scadenza per la chiusura di un impianto nucleare. Mühleberg è la terza più vecchia centrale elvetica, dopo che nel 1969 e 1971 erano entrate in attività Beznau I e Beznau II, nel cantone di Argovia. In Svizzera sono operative cinque centrali nucleari e tutte dispongono di una concessione illimitata nel tempo. Inizialmente il gestore di Mühleberg aveva previsto di chiudere l'impianto nel 2022.

È nel frattempo risultato che la disattivazione di Mühleberg non è stata concordata con le autorità federali. Dominique Bugnon, portavoce del Dipartimento federale dei trasporti ed energia (DATEC), ha al riguardo fatto sapere che "si tratta semplicemente di una decisione aziendale". La consigliera federale Doris Leuthard, responsabile del DATEC, non prenderà posizione sull'annuncio odierno, né sono previsti comunicati.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS