Tutte le notizie in breve

Il presidente cinese Xi Jinping.

KEYSTONE/AP/MARK SCHIEFELBEIN

(sda-ats)

Il dossier sul clima si aggiunge nell'agenda del summit che il 6 e il 7 aprile terranno i presidenti Usa Donald Trump e cinese Xi Jinping a Mar-a-Lago, in Florida, nella tenuta del tycoon.

Altri temi discussi saranno la Corea del Nord, le tensioni commerciali e le dispute nel mar Cinese meridionale.

La Cina ha confermato oggi tutti gli impegni presi sul taglio dei gas serra nonostante Trump abbia allentato le restrizioni sui combustibili fossili e avviato un'ampia inversione di rotta.

Il portavoce del ministero degli Esteri Lu Kang ha rilevato che si tratta di "una sfida di fronte a tutto il genere umano" e che Pechino ha l'intenzione di tener fede e sostenere l'accordo sul clima faticosamente raggiunto alla Cop 21 di Parigi. Dopo la mossa di Trump sul decreto che rivede le emissioni inquinanti delle industrie americane contenute nel Clean Air Act (l'eredità di Barack Obama), la Cina ha ribadito che l'accordo sotto egida Onu è una "pietra miliare" dello sforzo congiunto dei due Paesi.

Pechino "promette di mantenere i suoi obblighi al 100%", ha aggiunto Lu in conferenza stampa. "Non importa quali siano i cambi di politiche degli altri Stati. Come grande e responsabile Paese in via di sviluppo, la determinazione, gli obiettivi, la politica e le azioni della Cina non varieranno", ha detto.

Gli Usa, dopo Pechino, sono i secondi produttori di gas serra e l'ordine di Trump non chiarisce se Washington debba ritirarsi del tutto dal Cop 21 per le posizioni diverse nella stessa amministrazione.

Gli Stati Uniti si sono assunti l'onere di tagliare i gas serra del 26-28% entro il 2025 sui livelli del 2005. La Cina ha invece promesso la brusca correzione sull'uso del carbone, tra i fattori più inquinanti e di generazione di anidride carbonica.

Il cammino negoziale sul clima, tra i temi che più hanno avvicinato Xi e Obama, ha trovato il momento clou nella firma di entrambi in calce all'accordo "storico" a margine del summit G20 di Hangzhou, a settembre 2016, sotto lo sguardo dell'ex segretario generale dell'Onu Ban Ki-moon.

Al summit di Mar-a-Lago, a Palm Beach, ancora da annunciare ufficialmente, il presidente cinese non sarà ospite del tycoon, ha scritto il South China Morning Post, quotidiano di Hong Kong del patron di Alibaba Jack Ma.

SDA-ATS

 Tutte le notizie in breve