Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La Commissione della concorrenza (COMCO) ha autorizzato la fusione di local.ch e search.ch. filiali di Swisscom e Tamedia.

Nonostante l'operazione crei una posizione dominante sul mercato, il progetto non è da vietare, in quanto non è da prevedere una soppressione della concorrenza efficace, ha comunicato oggi la COMCO.

Al termine di un esame approfondito annunciato a fine novembre, la COMCO è giunta alla conclusione che non sono adempiuti i requisiti per un divieto.

Swisscom (local.ch) può dunque acquistare search.ch. Swisscom e Tamedia si sono accordate su questa concentrazione nel quadro dell'acquisizione di Publigroupe da parte di Swisscom.

Sulla base di questo accordo Swisscom (local.ch) s'impegna ad acquistare la search.ch SA di Tamedia e a gestire in futuro entrambe le piattaforme tramite la Swisscom Directories SA.

Dopo la concentrazione Swisscom deterrà il 69% e Tamedia il 31% del capitale azionario di questa società.

Swisscom e Tamedia si rallegrano della decisione della COMCO e prevedono di realizzare la fusione entro la metà dell'anno, si legge in un loro comunicato. Entrambe motivano questo passo con la pressione esercitata dalla concorrenza internazionale attraverso motori di ricerca come Google o i social media come Facebook.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS