Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La 'polveriera libica' è al centro dell'attenzione dei grandi del mondo. Il Consiglio di Sicurezza dell'Onu ha indetto oggi una riunione fiume per discutere la richiesta dell'Egitto - che continua a martellare l'Isis - di affrontare l'espansione dello Stato islamico in Libia col pungo di ferro, ovvero con una forza militare sostenuta dalle Nazioni Unite. Proprio mentre da alcuni documenti segreti emerge l'inquietante 'rivelazione' che l'Isis intende utilizzare il territorio libico per portare "il caos nel Sud dell'Europa".

Allo stesso tempo, a Washington è in corso un vertice internazionale contro l'estremismo islamico, a cui partecipano oltre 60 Paesi: fonti della Casa Bianca affermano che non si parla solo di Isis, ma certo l'espansione del 'Califfato' è tra gli argomenti portanti, così come le cause che ne sono all'origine.

E in questo quadro, in un intervento sul Los Angeles Times, Obama ha sottolineato che l'Isis e anche al Qaida "sfruttano la rabbia di coloro che sentono di non avere chance di migliorare la propria vita, per via delle ingiustizie e della corruzione". Secondo il presidente americano, la forza militare da sola non può però risolvere il problema del terrorismo, ed è necessario contrastare la propaganda secondo cui "gli Stati Uniti sono in guerra con l'Islam: è una bugia", ha detto.

Il Cairo però preme per una risposta muscolare. Dopo i raid aerei di lunedì e martedì, le forze egiziane hanno compiuto anche un'incursione via terra, fino a Derna, e secondo alcune fonti "hanno ucciso 155 combattenti dell'Isis e ne hanno catturati altri 55". Il tutto mentre all'Onu il governo egiziano insiste affinché venga quantomeno revocato l'embargo sulle armi per il governo libico riconosciuto dalla comunità internazionale, cioè quello costretto ad operare da Tobruk poiché a Tripoli la fa da padrone un governo 'parallelo' formato dalle milizie islamiche.

L'orientamento del Palazzo di Vetro sembra però diverso. Al momento la prospettiva più concreta sembra quella che prevede di concedere altro tempo al mediatore dell'Onu Bernardino Leon, considerato che un intervento militare internazionale, o anche la fornitura di altre armi ad una sola delle parti in conflitto allontanerebbe la possibilità di una soluzione "politica".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS