Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

BERNA - Una settimana dopo Caritas, anche la Conferenza svizzera delle istituzioni sociali (CSIAS) presenta un piano per ridurre la povertà in Svizzera della metà entro il 2020. L'accento è posto sui disoccupati di lunga data.
La crisi non rende impossibile la diminuzione della precarietà, afferma Walter Schmid, presidente della CSIAS. A suo avviso, per lottare efficacemente contro questo fenomeno è necessaria la volontà politica.
Il numero di beneficiari dell'assistenza sociale non è aumentato ovunque, precisa la CSIAS. È invece nettamente in crescita quello dei disoccupati di lunga data di mezza età. È quindi urgente creare possibilità di lavoro per questo gruppo coinvolgendo le assicurazioni sociali.
Il piano della CSIAS, che comprende una trentina di proposte, è stato elaborato in occasione dell'Anno di lotta contro la povertà decretato dall'Unione europea e in previsione della presentazione della strategia del Consiglio federale per combattere il fenomeno.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS