Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La popolazione della Svizzera è aumentata lo scorso anno dell'1,1%, in conseguenza di un saldo migratorio e di un incremento naturale positivi. Lo afferma l'Ufficio federale di statistica, sulla base di dati ancora provvisori.

Alla fine del 2015 la popolazione residente permanente della Svizzera contava 8'325'200 persone, pari a un aumento di 87'500 unità rispetto al 2014. La crescita riguarda sia la popolazione svizzera (+38'500), sia quella straniera (+49'100).

Gli arrivi in Svizzera sono stati nel periodo in rassegna 188'328 (+0,5%), di cui 25'877 riguardavano persone di nazionalità svizzera e 162'451 di nazionalità straniera. Le partenze sono state dal canto loro 113'400 (+2,1%): 30'100 svizzeri e 83'300 stranieri. Il saldo attivo si è così fissato a 74'900 persone (76'200 nel 2014).

Il saldo naturale ha favorito l'aumento della popolazione in buona parte dei i Cantoni, ma in particolare a Zugo, Friburgo e Ginevra. Solo Grigioni, Soletta, Basilea-Campagna, Uri, Sciaffusa, Basilea-Città e Ticino hanno registrato più decessi che nascite.

Le statistiche indicano anche che gli stranieri residenti in modo stabile in Svizzera sono 2'047'500 (il 24,6% della popolazione residente permanente) in aumento del 2,5% rispetto all'anno precedente. L'UST nota che la popolazione straniera (età media 37 anni) è più giovane di quella svizzera (44 anni).

Globalmente gli ultra 65enni rappresentano una quota del 18%, contro un 20% di giovani di meno di 20 anni. All'interno della popolazione femminile si constata peraltro che la percentuale di donne over 65 è superiore a quella delle giovani (il 19,9% contro il 19,4%). Il numero di centenari è ulteriormente aumentato a quota 1600 (+0,6%). In questa fascia di età le donne sono sovra rappresentate (con una proporzione di 100 a 23).

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS