Navigation

La Posta Svizzera e le FFS colpite dall'ondata di phishing mail

Truffatori hanno preso di mira i clienti della Posta e delle FFS KEYSTONE/STR sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 17 agosto 2020 - 15:42
(Keystone-ATS)

La Posta Svizzera e le FFS sono state prese di mira da cybercriminali e migliaia di e-mail false sono state inviate ai loro clienti.

Le mail con il mittente presse@post.ch devono essere cancellate immediatamente e nessun link deve aperto, avverte la Posta precisando che i messaggi ufficiali vengono spediti dall'indirizzo notifications@post.ch. L'ex regia ha immediatamente pubblicato un avviso sulla sua homepage e ha segnalato i casi alla Centrale d'annuncio e d'analisi per la sicurezza dell'informazione della Confederazione (Melani).

In linea di massima la Posta non richiede ai propri clienti dati personali come password o numeri di carte di credito per telefono o e-mail. Inoltre non chiede una somma di denaro per la consegna a domicilio di un pacco o di una lettera.

La Posta si dice desolata per questo inconveniente e consiglia ai propri clienti di contattare il Servizio clienti (Centro telefonico 0848 888 888 888) o di visitare il sito web in caso di chiamate o messaggi sospetti.

Anche le FFS prese di mira

Anche le FFS sono state prese di mira da truffatori. Come riportato sul loro sito web, è stato registrato un aumento di mail con malware e di phishing. Questi hanno lo scopo di ottenere dati personali come il login per il ticket shop o di infettare il computer o lo smartphone tramite un link o un allegato. I truffatori utilizzano gli indirizzi mail delle FFS che hanno falsificato. L'azienda raccomanda quindi estrema cautela in caso di e-mail sospette con allegati o link.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.