Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La presidente della Confederazione Simonetta Sommaruga è giunta in serata ad Addis Abeba per una visita di tre giorni in Etiopia. Il paese africano occupa una posizione strategica nella regione devastata da crisi e guerre, secondo la consigliera federale.

Al suo arrivo nella capitale etiopica, Sommaruga è stata accolta dal presidente Mulatu Teshome.

La Svizzera ha adottato una Strategia globale per il Corno d'Africa che comprende i settori sicurezza alimentare, salute, migrazione e protezione, Stato di diritto e promozione della pace, ha spiegato la ministra svizzera all'ats. La visita di lavoro si iscrive in questo ambito. .

Oltre 700'000 rifugiati vivono in Etiopia, 100'000 di essi provengono dall'Eritrea. Nel dibattito sull'asilo la questione degli aiuti sul posto viene costantemente evocata ed "è quello che stiamo facendo qui", ha aggiunto la consigliera federale.

Aiutare significa dare ai rifugiati protezione e prospettive affinché rimangano nella regione. Questi comporta non solo un aiuto umanitari, ma anche lo sviluppo economico del paese.

La responsabile del Dipartimento di giustizia e polizia parteciperà a metà novembre al vertice di Malta sui migranti al quale saranno presenti rappresentanti di paesi europei e africani e l'Etiopia avrà un ruolo importante.

La delegazione svizzera ha previsto domani di visitare un campo di rifugiati nell'Est del paese. Durante i colloqui ufficiali, che avranno luogo lunedì, la presidente della Confederazione incontrerà il presidente etiope Mulatu Teshome e il primo ministro Hailemariam Dessalegn. Lo stesso giorno visiterà ad Addis Abeba un progetto per rifugiati eritrei finanziato dalla Segreteria di Stato della migrazione (SEM). Sono previsti inoltre incontri con i rappresentanti dell'economia e della società civile.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS