Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La Svizzera ha inasprito ulteriormente le sanzioni nei confronti del regime siriano: nuovo è il divieto di collaborare con i ministeri della difesa e dell'interno. Il Consiglio federale ha inoltre deciso di proibire la consegna di prodotti di lusso. Lo ha comunicato oggi la Segreteria di stato dell'economia (SECO), aggiungendo che la decisione è stata presa in seguito all'aggravamento della situazione per la popolazione civile sul posto.

Oltre al ministero della difesa e dell'interno sulla lista delle sanzioni - precisa la SECO - appaiono anche l'Ufficio siriano della sicurezza nazionale, l'organizzazione generale della radio e televisione, la Syria International Islamic Bank (SIIB) e la compagnia siriana per il trasporto petrolifero.

Il governo svizzero aveva già deciso di estendere le sanzioni contro la Siria l'8 giugno. L'ordinanza entra in vigore oggi.

Il Consiglio federale segue così l'esempio dell'Unione europea e di altri Paesi che da mesi continuano a inasprire le sanzioni contro il regime siriano.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








Teaser Longform The citizens' meeting

Non mancate il nostro approfondimento sulla democrazia diretta svizzera

1968 in Svizzera

SDA-ATS