Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

GINEVRA - La Svizzera è pronta a fornire un contributo per aiutare la Grecia e stabilizzare l'euro, ha indicato oggi la presidente della Confederazione Doris Leuthard in un incontro con la stampa estera a Ginevra.
"Mi preoccupo quando vedo l'euro debole perché questo comporta problemi per le esportazioni svizzere". "Siamo pronti a aiutare la Grecia. Abbiamo anche una responsabilità nello stabilizzare la situazione finanziaria", ha aggiunto la ministra dell'economia.
"Non vogliamo interferire negli affari dell'Unione europea, ma la crisi mette in luce le debolezze del sistema monetario europeo. La decisione di creare l'euro era politica, la parte economica non è stata sistemata", ha detto.
"Se l'Unione europea non può risolvere da sola il problema, allora rimane solo il Fondo monetario internazionale. A quel punto la Svizzera potrà fare qualcosa", ha proseguito Leuthard insistendo sul fatto che il "franco svizzero è troppo forte". La ministra ha ricorda anche che per il 70% il commercio estero della Svizzera si svolge con l'Unione europea.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS