Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il nuovo colosso cementifero franco-elvetico LafargeHolcim, la cui fusione è stata finalizzata a metà luglio, ha registrato un calo dei risultati nel terzo trimestre.

L'utile netto è infatti sceso dell'8,7% a 7,83 miliardi di franchi rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente. Lo ha comunicato oggi LafargeHolcim, precisando che la flessione su base comparabile è dell'1,1%.

Dal canto suo, l'utile prima della deduzione di interessi, imposte,ammortamenti e ammortamento dell'avviamento (EBITDA) corretto dei costi di transazione e di ristrutturazione è calato del 16,1% a 1,64 miliardi di franchi.

Su nove mesi i ricavi sono scesi in un anno del 6,5% (-0,6% su base comparabile) a 22,04 miliardi e l'EBITDA aggiustato si è contratto del 9% (-3,2% su base comparabile) a 4,35 miliardi. "I primo nove mesi di quest'anno e in particolare il terzo trimestre sono stati influenzati dalle condizioni quadro economiche in alcuni dei nostri maggiori mercati nonché da negative fluttuazioni valutarie", ha indicato il Ceo Eric Olsen, citato nel comunicato.

Secondo LafargeHolcim, la flessione dei risultati è dovuta alle spese legate alla fusione e alla ristrutturazione, agli effetti di cambio negativi, al rallentamento dell'economia cinese e brasiliana, nonché a un calo dell'attività sia in Francia che in Svizzera.

Le buone performance registrate negli Stati Uniti, in Asia, in Oceania e in America latina non sono bastate per compensare tali fattori sfavorevoli.

La direzione ribadisce i suoi obiettivi di sinergie e d'investimento per la fine dell'anno. I primi dovrebbero ammontare a 100 milioni di franchi per l'insieme del 2015, mentre gli investimenti dovrebbero restare inferiori a 1,4 miliardi di franchi sul secondo semestre.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS