Navigation

LafargeHolcim si aspetta una rapida ripresa dopo semestre negativo

Il peggio è passato, il futuro è roseo. KEYSTONE/ENNIO LEANZA sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 30 luglio 2020 - 10:00
(Keystone-ATS)

Il colosso del cemento e di altri materiali da costruzione LafargeHolcim si aspetta una rapida ripresa dopo la battuta d'arresto causata dal coronavirus.

"Il picco della crisi è alle nostre spalle", afferma il Ceo del gruppo franco-elvetico Jan Jenisch in margine alla presentazione dei risultati semestrali.

Stando ai dati diffusi oggi I primi sei mesi si sono chiusi con un fatturato di 10,7 miliardi di franchi, il 18% in meno dello stesso periodo del 2019; su base comparabile l'arretramento è dell'11%. Il risultato rettificato a livello Ebit è sceso del 28% a 1,2 miliardi. L'utile consolidato è passato da 1,0 a miliardi a 347 milioni. Le cifre sono lievemente superiori alle attese degli analisi.

Le misure adottate per combattere la pandemia hanno portato a un confinamento in molti paesi e regioni, in certi casi con un forte impatto sul ramo delle costruzione, ricorda l'impresa. Nel secondo trimestre il calo dei ricavi (a perimetro consolidato) è stato assai più marcato di quanto registrato nei primi tre mesi: rispettivamente -17% e -3%.

"Considerata la piena ripresa in giugno, la buona situazione degli ordinativi e i piani di stimolo economico annunciati dai governi ci aspettiamo una seconda metà dell'anno solida", osserva Jenisch, citato in un comunicato. La società non avanza però previsioni concrete.

LafargeHolcim è nata nel 2015 dalla fusione fra la svizzera Holcim (in precedenza Holderbank, dall'omonimo comune del canton Argovia, fondata nel 1912) e la francese Lafarge, società le cui origini possono essere fatte risalire al 1833 e che ha avuto un ruolo anche nella costruzione del canale di Suez. Oggi è una realtà presente in 70 paesi con oltre 70'000 dipendenti.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.