Navigation

Lagarde, ancora necessario ampio stimolo monetario

Problemi grossi richiedono interventi altrettanto grandi. KEYSTONE/EPA/NEIL HALL sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 10 settembre 2020 - 15:00
(Keystone-ATS)

"L'Eurozona necessita ancora di un ampio stimolo monetario". Lo ha detto la presidente della Banca centrale europea (Bce, Christine Lagarde), durante la conferenza stampa successiva alla riunione del Consiglio direttivo.

"I dati economici nell'Eurozona indicano un forte rimbalzo dell'attività economica anche se il livello è più basso rispetto al periodo pre-pandemico ", ma "le prospettive della ripresa continuano ad essere circondate da incertezze a causa dell'emergenza coronavirus", ha affermato la 64enne.

La Bce ha così lasciato invariati i tassi d'interesse: quello principale rimane fermo a zero, quello sui depositi resta a -0,50% e quello sui prestiti marginali a 0,25%. L'istituto rivede anche in meglio le stime di crescita dell'Eurozona per quest'anno a -8,0%, quindi +5% nel 2021 e +3,2% nel 2022. Le previsioni di giugno vedevano il Pil a -8,7% quest'anno, quindi +5,2% nel 2021 e +3,3% nel 2022.

La banca mantiene la stima di uno 0,3% di inflazione dell'area euro per quest'anno e la rialza dallo 0,8 delle previsioni di giugno all'1% per il prossimo anno. Invariata la stima di 1,3% per il 2022. "Siamo pronti a usare tutti gli strumenti per raggiungere gli obiettivi di inflazione" ha detto Lagarde.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.